Che differenza c’è con altre tecniche che utilizzano strumenti simili?

Gli strumenti tecnici che utilizza Fisioscissione (i Fisioscissor) presentano una forma completamente diversa dagli altri.

I Fisioscissor sono 5 e ognuno di loro presenta due teste operative.

Quest’ultime sono state studiate appositamente per lavorare i diversi distretti anatomici (reperi ossei, docce, recessi), setti intermuscolari e inserzioni miofasciali in maniera INDOLORE.
La variabilità delle teste operative consente al Fisioterapista di scegliere il Fisioscissor più adatto al distretto anatomico e allo stato patologico del tessuto.

In base alle condizioni tessutali e alla fase di dolore corrente (acuta, subacuta, cronica), il Fisioteapista può decidere se eseguire delle tecniche superficiali o profonde DRENANTI o al contrario ricercare attraverso “tocchi” mirati una infiammazione controllata del tessuto senza inviare input recettoriali esagerati.
La duttilità dei mezzi tecnici consente inoltre di avere una PRESA D’APPOGGIO PIU’ CONSISTENTE nei confronti del livello tessutale fasciale o dello strato connettivale desiderato eseguendo delle presso-frizioni del tessuto.
La particolareggiata forma delle teste operative consente in aggiunta di eseguire una MOBILIZZAZIONE SEGMENTARIA VERTEBRALE della colonna.

 

Sono necessari tutti e 5 i fisioscissor nell’utilizzo della metodica?

Ogni fisioscissor ha la sua ragione di esistere.

Il kit unico comprende tutti e 5 diversi strumenti indivisibili per permetterti di approcciare con fisioscissione indipententemente dal distretto anatomico e alla condizione patologica tessutale: in base a tali considerazioni andrai ad utilizzare il fisioscissor più funzionale e adatto allo scopo.